Dentisti a Udine - Friuli Venezia Giulia

News

Polpa dentale: l’importanza di conservare la vitalità del dente naturale

POLPA-DENTALE-1

I denti sono organi vivi che al proprio interno racchiudono e proteggono il loro “cuore” sensibile, la polpa dentale. Ma perché è così importante cercare di conservarne la vitalità e la salute?

Oggi vogliamo condividere alcune informazioni sui benefici e i vantaggi che la conservazione della vitalità ha rispetto alla devitalizzazione del dente (terapia endodontica), sulle procedure cliniche da seguire per mantenere viva e in salute la polpa dentale e sulle situazioni cliniche che richiedono invece la devitalizzazione del dente. Continua a leggere!

Cos’è la polpa dentale?

Questa parte racchiusa all’interno del dente, protetta da smalto e dentina, è un tessuto morbido e non calcificato, irrorato di vasi sanguigni e di terminazioni nervose. Essa è indispensabile per l’adeguato apporto di sangue, ossigeno e nutrienti al dente.

Essa si divide in due sezioni: 

  • La polpa camerale (contenuta all’interno della corona del dente);
  • La polpa radicolare (contenuta nel canale radicolare).                                                                                                                          

Per maggiori informazioni, consulta il nostro sito!

Perché la polpa dentale è così importante?

La polpa dentale ha svariate funzioni:

  • Produzione della dentina: la polpa produce questo tessuto mineralizzato grazie agli “odontoblasti”, speciali cellule che si trovano sulla giunzione pulpo-dentinale, in un processo detto “dentinogenesi”;
  • Nutrizione del dente: come già accennato, questa funzione viene espletata grazie agli innumerevoli vasi sanguigni che si trovano all’interno del tessuto;
  • Funzione sensoriale: grazie alla presenza di nervi, è fortemente sensibile alle variazioni di temperatura e conferisce quindi sensibilità al dente.

La polpa dentale è dunque indispensabile a proteggere il dente nei confronti dell’invasione batterica attraverso la produzione di dentina, che funziona da barriera protettiva, consente al dente di percepire gli stimoli termici e nocivi e di mantenere nel tempo il suo colore naturale.

Conservare la vitalità del dente naturale: quando, come e perché?

Durante la rimozione di carie molto estese, è possibile avvicinarsi e/o raggiungere la polpa dentale. Se le condizioni cliniche lo permettono, è possibile preservare e proteggere la vitalità della polpa dentale applicando sopra di essa uno specifico materiale (incappucciamento). Questa procedura è piuttosto affidabile nel tempo e consente di non condannare a priori la vitalità della polpa dentale, ricordando che un dente devitalizzato (trattamento endodontico) è meno resistente di un dente vivo, non ha la capacità di percepire gli stimoli termici (caldo/freddo), si ingrigisce nel tempo e richiede una serie di terapie economicamente più onerose.

Devitalizzazione di un dente: cos’è?

Comunemente nota come devitalizzazione, il trattamento endodontico o cura canalare è la terapia che prevede l’asportazione indolore della polpa dentale infetta dall’elemento compromesso, la detersione dei canali radicolari (polpa radicolare) e l’otturazione del sistema canalare con un opportuno materiale.

Devitalizzazione di un dente: quando e perché?

La polpa dentale, da organo vivo quale è, quando viene raggiunta e contaminata dai batteri della carie e l’equilibrio tra offese e difese si sposta a favore delle offese, si può infiammare irreversibilmente. Si viene a creare dunque un quadro clinico acuto associato a forte dolore che richiede la devitalizzazione del dente. Se ciò non avviene, la polpa dentale irreversibilmente infiammata muore da sola nell’arco di qualche giorno e i sintomi per il paziente possono anche scomparire da soli. Tuttavia la causa originale, ovvero la contaminazione batterica della polpa dentale, rimane irrisolta. A questo punto, la polpa dentale morta, se non rimossa, può portare dapprima alla formazione di un granuloma all’apice della radice del dente coinvolto e successivamente allo sviluppo di un quadro ben più grave, l’ascesso endodontico, in cui la salute generale del paziente potrebbe essere messa a rischio.

La devitalizzazione è dunque una scelta obbligata quando una carie non trattata si estende a tal punto da raggiungere la polpa dentale provocandone l’infiammazione irreversibile e successivamente la morte (necrosi pulpare). 

La devitalizzazione di un dente naturale compromesso ne consente il mantenimento, anche se non più “vivo” e quindi insensibile, senza ricorrere alla sua estrazione ed eventuale sostituzione con un impianto. Dopo la devitalizzazione lo si ricostruisce con un’otturazione, altre volte, se strutturalmente compromesso, con un intarsio o una corona.

Per maggiori informazioni, contattaci: siamo a tua disposizione!

Vuoi saperne di più? Leggi questo articolo: Il dente compromesso va curato o sostituito? – Intervista al Dott. Alberto Fonzar

Vuoi prenotare un appuntamento? Contattaci

0 comments on “Polpa dentale: l’importanza di conservare la vitalità del dente naturale

Comments are closed.

Top
× Contattaci