Dentisti a Udine - Friuli Venezia Giulia

News

Il colore dei denti

Il colore dei denti è determinato geneticamente

Il colore dei denti è determinato geneticamente.
Il colore è dato dalla dentina, ovvero dal tessuto duro più interno del dente, mentre lucentezza e trasparenza sono date dallo smalto, ovvero dallo strato più esterno.
Il dente è bianco, ma con sfumature che cambiano in base alla razza e al colore dei capelli.
I popoli nordici presentano un colore bianco tendente al grigio, mentre gli individui mediterranei hanno denti di colore bianco tendente al giallo.

Dentatura di persone giovani



I denti più bianchi sono i denti decidui, ovvero quelli che cadono in un’età compresa tra i 6 e i 12 anni per venire sostituiti dai denti permanenti.

Dentatura di bambino


Con l’invecchiamento i denti si consumano e il loro colore tende a diventare più scuro e perdono in trasparenza.

Dentatura in adulto

Dentatura in anziano


Fattori che modificano temporaneamente il colore dei denti.

Fattori esterni, come l’abitudine al fumo, l’assunzione di alcuni alimenti o bevande (es. caffè, tè, vino rosso, liquirizia) oppure l’assunzione di farmaci, come alcuni antibiotici, possono conferire  ai denti una colorazione giallo-marrone che si risolve sospendendo l’uso del prodotto e pulendo professionalmente  la loro superficie con paste abrasive.

Pigmentazione temporanea dei denti

Modifica permanente del colore in forte fumatore cronico di pipa

Fattori che modificano permanentemente il colore dei denti.

Farmaci
Esistono farmaci che inducono discromie permanenti. Si tratta di sostanze che interferiscono con la formazione del dente, causando modificazioni del colore della dentina.  Tra questi, il fluoro, le tetracicline e la ciprofloxacina sono responsabili della maggior parte dei casi. Il fluoro viene somministrato ai bambini dalla nascita fino ai 6-8 anni di età con lo scopo di prevenire la carie( fluorizzazione). In caso di sovradosaggio, può provocare una ipomineralizzazione permanente dello smalto (fluorosi) che, nella forma più lieve, si manifesta con la comparsa di piccole macchie bianche mentre, nelle forme moderate/gravi, causa la comparsa di aree estese dall’aspetto bianco opaco, di macchie brune e avvallamenti dello smalto che interessano la maggior parte della superficie del dente.

Macchie dello smalto dovute ad un eccesso di fluoro

Le tetracicline, se somministrate durante lo sviluppo del dente, si legano in modo irreversibile alla dentina producendo una colorazione di intensità variabile che va dal giallo-marrone al grigio. Perciò, dal momento che lo sviluppo dei denti avviene durante la vita intrauterina e, poi, dopo la nascita si completa nei primi otto anni di vita, l’uso delle tetracicline è controindicato durante la gravidanza e nell’infanzia. Con la minociclina, farmaco usato nel trattamento dell’acne, è stata segnalata la comparsa di alterazioni del colore anche nei denti dell’adulto.

Discromia permanente da tetracicline

Amalgama d’argento
L’otturazione del dente, in seguito a carie, con materiali come l’amalgama d’argento può determinare una colorazione grigiastra permanente del dente dovuta all’assorbimento di prodotti derivanti dall’ossidazione dell’amalgama.

Pigmentazione del dente da parte dell’otturazione in amalgama

Emorragia interna
Un trauma al dente che provochi un’emorragia  interna può indurre una colorazione rossastra permanente al dente.

Materiale da otturazione canalare
Anche l’inserimento di cementi o paste colorate all’interno dei canali durante il trattamento endodontico ( cura canalare) può causare una colorazione permanente del dente ch e varia a seconda del tipo di materiale usato.

Discromia permanente da otturazione canalare

0 comments on “Il colore dei denti

Comments are closed.

Top
× Contattaci